Biodanza e salute. Atti del convegno 2013 SIPSA

La ricerca della Scuola di Specializzazione in Psicologia della Salute circa l’efficacia della Biodanza sul benessere psicologico dei partecipanti è stata uno dei temi all’interno del X Convegno Nazionale della Società Italiana di Psicologia della Salute, SIPSA del 10/12 maggio 2013.

Questo è stato il programma del Convegno durante il quale è stata presentata anche la ricerca che aveva come oggetto la Biodanza, di seguito l’estratto dagli atti del convegno:

EFFICACIA SULLA SALUTE DI UN CORSO ANNUALE DI BIODANZA
Patrizia Giannino, Maria Teresa Giannelli, Alessandro Mingarelli

Associazione Psicologi Ricerca e Intervento;
Scuola di Specializzazione in Psicologia 
della Salute
“Sapienza” Università di Roma

patriziagiannino@gmail.com

Introduzione.

La Biodanza ha come fine la promozione della salute delle persone. Il suo metodo facilita vissuti nel “qui ed ora” grazie alla musica e al movimento libero in gruppo (Toro, 1991). La Biodanza risulta avere un effetto positivo sulla salute fino a ridurre il dolore e l’impatto della patologia nelle donne con fibromialgia (Carbonell-Baeza et al., 2010). Nonostante questa pratica si stia diffondendo, sono ancora carenti ricerche accurate che ne valutino l’efficacia.

Obiettivi:

Valutare gli effetti specifici di un corso annuale di Biodanza su alcune dimensioni della salute (benessere, stress, alessitimia), e il loro mantenimento nel tempo.

Metodologia.

Per discriminare gli effetti specifici della Biodanza da quelli dell’attività fisica in generale sono stati costituiti tre gruppi di cui uno sperimentale (Biodanza: 96 persone) e due di controllo (Attività fisica: 71 persone; Sedentari: 68 persone). Le dimensioni considerate sono state valutate attraverso i seguenti strumenti: stress (Mesure du Stress Psychologique), benessere (Psychological Well-Being Scales), alessitimia (Toronto Alexithymia Scale a 20 item). Gli strumenti sono stati somministrati all’inizio,  alla fine dei corsi (durati circa 9 mesi) e a un follow-up a 5 mesi. Sui dati raccolti sono state condotte due differenti analisi della varianza univariata. La prima ha considerato come variabili indipendenti il Gruppo (Biodanza, Attività Fisiche, Sedentari) e la Fase (pre e post), e come variabili dipendenti le dimensioni indagate dagli strumenti. La seconda ha replicato lo stesso disegno inserendo nella Fase anche il follow-up.

Risultati.

Rispetto all’inizio, alla fine del corso, il gruppo Biodanza presenta maggiori livelli di benessere (P<.0001); minori livelli di stress (p<.01) e minore deficit alessitimico (p<.05). Tali effetti si riducono nel follow-up. I gruppi Attività Fisica e Sedentari non mostrano variazioni significative.

Conclusioni.

I risultati mostrano che la Biodanza può essere considerata una buona pratica di promozione della salute. Tali effetti non sono dovuti solo al movimento fisico poiché non si riscontano nel gruppo Attività Fisica.

Possiamo considerare che a questi effetti contribuiscono fattori specifici della Biodanza, quali la libera espressione corporea attraverso la musica e le relazioni gruppali (Toro, 1991).

Bibliografia.

Carbonella_Baeza A. et al. (2010). The Journal of alternative and complementary medicine. 16: 1191-1200.

Toro R. (1991). Biodanza Theory. Brazil: ALAB.

 

Biodanza e salute. Atti del convegno 2013 SIPSAultima modifica: 2013-12-19T14:20:42+00:00da dioniso61
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento